blog

Social Network: qual è il più utile per il vostro business

Cosa sono i social network

In italiano “social network” si chiamerebbe “rete sociale” e viene definito come un sito web che cerca di riunire persone con obiettivi comuni in uno stesso punto d’incontro virtuale.
Oggigiorno sappiamo che i social network sono parte integrante della nostra vita: sono diventati un nuovo metodo comunicativo non solo per i privati ma anche per moltissime aziende. In questi ultimi tempi, ormai, se non si è presenti sui social si è tagliati fuori da una grossa fetta di utenti che cercano informazioni quasi esclusivamente tramite annunci e post; inoltre, ci si toglie la possibilità di conoscere una realtà nuova in cui “incontrare” nuove aziende, confrontarsi, presentarsi e sponsorizzarsi.

Quanti ne esistono

Comunemente si pensa che esistano pochi social network, poiché i più frequentati e citati sono sempre Facebook, Instagram, Twitter, Google Plus e Linkedin oltre a Youtube. Nella realtà virtuale invece ne esistono diversi, alcuni dei quali sono ristretti a cerchie specifiche (può essere il caso di Behance nato per raggruppare utenti appassionati di graphic design, illustrazione e disegno) altri ancora ad alcuni stati (come può essere Renren che è il più grande social della Cina). Ad ogni modo, per utilizzare i social network, bisogna sempre capire lo scopo per il quale è stato creato ed utilizzarlo nel modo più adeguato.

Il cambiamento dei social negli ultimi anni

Ogni social nasce con un proprio obiettivo particolare: pensiamo ad esempio ad Instagram che nasce per la condivisione di fotografie e brevi video. Tutto è basato sulla qualità e la bellezza dell’immagine. Cosa invece completamente diversa da Twitter, nato proprio per il settore giornalistico e dello spettacolo in generale e basato sui contenuti testuali.
Successivamente alla loro apparizione, i social hanno subito una graduale e lenta evoluzione, adattandosi sempre più alle esigenze differenti degli utenti, cercando modi sempre diversi di comunicare e di attrarre sempre più utenti ad iscriversi ai social. Vediamo, di seguito, le modifiche più recenti che sono avvenute sui social:

  • Facebook: iniziamo dal social per eccellenza, quello più conosciuto e maggiormente utilizzato. Un social nato per la condivisione di tutti i tipi di contenuti (testuali, immagini e video), e con il quale si può rimanere in contatto con persone anche lontane da noi. Oggi Facebook ha creato molteplici possibilità per i propri utenti (si pensi a Facebook Market Place, Facebook Pixel e tanto altro ancora) ma la cosa che salta più all’occhio è che è possibile creare le stories (come avviene su Instagram e Youtube) ed è privilegiato il contenuto video rispetto all’immagine.
  • Instagram: social network conosciuto per la condivisione di immagini curate che possono essere ritoccate tramite filtri e piccole modifiche grafiche prima della pubblicazione. Oggi Instagram è molto frequentato dal pubblico giovane. Oggi Instagram vanta diverse modifiche rispetto alla sua nascita: non è solo possibile fotografare e pubblicare, si può altresì creare piccoli video, e da pochi anni sono sorte anche qui le stories (particolare preso da Snapchat, il social conosciuto per la condivisione di video temporanei che nell’arco di 24 ore scomparivano) dove dapprima si poteva solamente condividere il video (in diretta, di pochi secondi, di altro tipo) mentre ora oltre al semplice video si possono aggiungere prima della pubblicazione filtri particolari, scritte, gif, piccole emoji e non ultimo la musica.
  • Youtube: è il social che permette di condividere video originali e coinvolgenti. L’unico accorgimento per avere più engagement è quello di tenere il video più lungo di 5 minuti. Per il resto si può dare il tono che si vuole al proprio canale e ai propri video. Oggi su Youtube sono comparse le stories, che ritroviamo nei già citati Facebook e Instagram.
  • Twitter: social con una grande particolarità che risiede nell’immediatezza del contenuto pubblicato (280 caratteri a disposizione) non è particolarmente frequentato dai ragazzi ma più da adulti dai 30 ai 45 anni. É possibile quindi pubblicare, ritwittare (cioè condividere) e commentare altri tweet
  • Linkedin: è il social professionale che viene utilizzato per condividere il proprio curriculum, con possibilità di essere contattato da un’azienda per lavoro, o per collegarsi colleghi del settore. Essendo praticamente un riassunto delle proprie esperienze lavorative e di studio, il tono che bisogna mantenere è serio e bisogna fare attenzione anche alle fotografie che devono anch’esse presentarvi al meglio.

Conclusioni

L’era moderna ha portato con sé tanti cambiamenti: in molti dicono che sarebbe bello sedersi ad un tavolo di un bar e colloquiare normalmente con una persona senza scambiarsi tweet, o scrivere su whatsapp o ancora mandarsi un emoji su skype. Dobbiamo però ammettere che per le aziende poter utilizzare i social invece porta alcuni vantaggi, il più grande dei quali risiede nella possibilità di creare un’interazione con i propri utenti senza dover scambiare numeri di telefono o perdere diverse ore nella scrittura di email. Con i social network si può presentare la propria realtà aziendale, condividere notizie del settore, raccontare cosa succede nel proprio reparto produzione (anche se piccolo). È importante quindi conoscere i social network, lo scopo per il quale sono stati creati e cercare di utilizzare i più giusti per l’azienda: creare contenuti con regolarità, foto curate, piani organizzati, sono solo alcune delle cose che bisogna fare per garantire alla tua azienda un buon rapporto con i tuoi utenti. Se non hai tempo per fare tutte queste cose, se ritieni di aver bisogno di qualche dritta per gestire i tuoi social nel migliore dei modi, o semplicemente vorresti avere maggiori informazioni, contattaci all’indirizzo email info@dwb.it

Condividi

Lasciaci un tuo commento :